La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...
La tua vacanza tra mare e montagna...

Rimani aggiornato

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.
Riviera dei Fiori

Il tuo viaggio lungo la Riviera dei Fiori può originare da San Remo, città di circa sessantamila abitanti, che vanta una gloriosissima tradizione d’accoglienza turistica.
La posizione geografica la rende infatti meta ideale per il turismo, 365 giorni l’anno: il clima veramente mite caratterizza anche l’inverno, d’estate le giuste temperature e il bel tempo garantiscono vacanze all’insegna del sole e del mare.

Gùstati San Remo – perciò - anche in primavera, quando tutto fiorisce e s’illumina; la vedrai e la vivrai con ritmi rilassanti, e in un momento diverso rispetto alla classica stagione estiva. Oppure in autunno, quando boschi e colline si tingono d’arancio, quando si vendemmia e si va per funghi. Tu assaporala nei suoi scorci più nascosti, conquistala lentamente, scopri la sua vera anima (il mercato, la Pigna, le barche, i gamberi, le ville, i fiori), così costiera e ligure…
San Remo, dunque, luogo per tutte le stagioni, elegante, affascinante, sorprendente per le mille opportunità che ti offre…

Meta dalla fine dell’Ottocento del turismo d’élite inglese, tedesco e russo, da subito acquistò fama di città esclusiva per i soggiorni di svago dell’aristocrazia europea.
Punto di partenza della visita non può che essere il glorioso – centralissimo - Casinò Municipale, vero e proprio simbolo della città, cartolina senza tempo. Rimarrai affascinato dalla sua candida facciata, dalle linee architettoniche pure e geometriche che non rinunciano tuttavia a qualche decorativismo; e poi ti sedurranno i lussuosi e raffinati interni…, decidi naturalmente tu se tentare o no la fortuna in una delle pochissime case da gioco italiane.
Poco distante troverai la prima sorpresa, la chiesa ortodossa russa di Cristo Salvatore. La costruzione sorse su suggerimento della zarina Maria Alexandrovna e per volontà della numerosa comunità russa che risiedeva in Riviera. Le sue morbide cupole policrome che luccicano al sole, immerse nel verde, hanno il sapore esotico – lo senti? - di terre lontane e seducenti.

Segui ora Corso Matteotti, dove, oltre alle boutique della moda e a negozi d’ogni genere (e per ogni portafogli), riconoscerai da lontano l’inconfondibile teatro Ariston.
Sede tradizionale del celebre Festival della canzone italiana, ogni anno, per una manciata di giorni, focalizza l’attenzione dei massmedia nazionali e stranieri, trasformando la città in capitale della musica leggera italiana, crocevia di vip e artisti.

Sanremo – come ti scrivevo - fu uno dei soggiorni prediletti dell’alta società europea dalla fine dell’Ottocento; rimangono di quella stagione le numerose ville che spuntano qua e là, immerse in lussureggianti giardini. Non perdere Villa Angerer con le splendide vetrate, la neorinascimentale Villa Ormond col giardino giapponese, Villa Nobel dove soggiornò il celebre Alfred per alcuni anni fino alla sua morte (1896).

Percorsi tuoi, intriganti, dentro le diverse anime di San Remo. Prova anche l’emozione di una passeggiata nel quartiere della Pigna, che conserva il fascino speciale dei più suggestivi borghi italiani. I vicoli stretti, arrampicati sulle ripide gradinate, le minuscole piazzette che si aprono regalandoti scorci inattesi... Spingiti (ne vale la pena!) fino al santuario di Nostra Signora della Costa, simbolo di devozione e custode di capolavori fra cui le statue lignee del Maragliano o le pitture di Procaccini e Fiasella. Nell’entroterra, poi, si dipanano strade e sentieri a contatto diretto con una natura ricca di colori e profumi, che ti avvolgerà in un abbraccio affettuoso. Il paesaggio mediterraneo, infatti, qui offre il meglio di sé: il mare, con il suo colore blu intenso, si unisce alle dolci colline ricche di vegetazione, disseminate qui e là di segni umani, che ti offriranno l’opportunità di piacevolissime camminate, immerso nella natura e nei fiori. Ad un pugno di chilometri, in direzione levante, incontrerai uno dei paesini più pittoreschi dell’intera costa ligure: Bussana Vecchia. Prepàrati davvero ad un viaggio indietro nel tempo… Il piccolo borgo, a causa degli ingenti danni causati dal violento terremoto del 1887, fu abbandonato dagli abitanti atterriti, che preferirono fondare un nuovo paese, poco più a valle.
Il tempo si fermò fino agli anni ‘60, quando alcuni artisti tornarono nell’antico nucleo e vi s’insediarono stabilmente, riportando la vita a Bussana senza tuttavia modificare l’antica struttura urbana.

E’ una sensazione unica passeggiare per le strette viuzze, animate da botteghe di artigiani e artisti, scoprendo magari tra i ruderi, qui e là, qualche sonnacchioso sornione gattone. Un luogo magico Bussana Vecchia, un’atmosfera da far propria senza fretta, sorseggiando in buona compagnia un Fermentino odoroso, assaggiando la sardenaira (è la pizza del luogo), respirando col cuore.

Poi il mare ti richiama con il suo fascino irresistibile, ed eccoti di nuovo tra il blu del cielo e quello dell’acqua, verso ponente. Dopo aver traversato Ospedaletti e il suo golfo gentile, dove - tra il verde - spicca la splendida villa “La Sultana”, ti si presenta la magnifica Bordighera. Come altre stazioni balneari della Riviera fu meta, tra le più gettonate, di intellettuali, artisti, nobili di mezz’Europa: Charles Dickens, Claude Monet, la famiglia reale inglese ad inizio Novecento, Margherita di Savoia…
A dividere terra e mare c’è il lungomare Argentina, inaugurato da Evita Peron nel 1947 (ecco la ragione del nome), animato di bei localini, di ristoranti dove gustare il pesce fresco, di bar che animano con drink e gelati le tiepide serate estive.

Il centro abitato ti riserverà – ancora una volta - piacevolissime scoperte: gli storici alberghi in stile liberty; il tracciato dell’antica via romana (la Julia Augusta) che attraversa la città; il dedalo di viuzze del borgo medievale, baluardo contro i Saraceni, in cui scoprirai la splendida chiesa di S. Maria Maddalena.

Il sentiero del Béodo, antico acquedotto che riforniva d’acqua la città, ti permetterà un’immersione totale nella vegetazione mediterranea, tra cento – non uno di meno - colori e profumi; ti seguiranno lungo il percorso i muretti a secco, tenaci testimoni di quell’ingegno ligure che da sempre, con pochi sassi, sa sostenere e recintare fasce e terrazzi.
Il mare poi, insignito della bandiera blu per la qualità delle acque, è lì che ti aspetta, offrendoti relax e divertimento. Ampie spiagge morbide, tintarella, sport acquatici, allegria.
L’entroterra – da parte sua – ti regala, su tutte, due perle: Sasso, pugno di case quiete arroccate al monte, e Seborga. Divenuta famosa per la querelle legata alla sua presunta indipendenza (che ha portato anche all’elezione di un re vero e proprio, Giorgio I!), Seborga, immersa in un verde incontaminato, ti stregherà con il suo fascino antico, con i sagrati i profumi i silenzi, con il suo panorama mozzafiato che spazia fino alla Costa Azzurra.

Ora, se hai ancora tempo, vieni fino all’estremo limitare della Liguria, dove Italia e Francia s’incontrano presso Ventimiglia, città che vanta una magnifica parte antica, arrampicata sulla collina, e che il venerdì s’anima per l’immenso e popolarissimo mercato. Alle sue spalle un’infilata di paesaggi e villaggi senza eguali: la Val Roya, col magico trenino che sale lungo il confine sino a Limone Piemonte, Dolceacqua, splendido abitato medievale che s’avvita concentricamente attorno al castello Doria (assai scenografico il ponte a schiena d’asino sul torrente Nervia, simbolo dell’antico borgo), Pigna con le benefiche fonti termali...

Ultima tappa i Giardini Hanbury, l’ennesima dolcissima sorpresa di Liguria. Nati dall’ambizioso progetto di Lord Thomas Hanbury a fine Ottocento, i giardini botanici, con i 18 ettari aperti a specie esotiche, sono un vero e proprio paradiso per gli appassionati e per tutti gli amanti della natura. Diversi percorsi ti porteranno a scoprire ed osservare piante, fiori, alberi provenienti da tutto il mondo, in una vera e propria immersione nel verde che ti lascerà a bocca aperta. E’ l’arrivederci a presto di una terra luminosa e straordinaria, da raccontare agli amici, dove vivere una vacanza diversa, dove ritornare per ritrovare ogni volta se stessi.

Sanremo
Javascript is required to view this map.

Tipicità Liguri

La cucina varazzese
Il Ciuppin è una zuppa di pesce a base di...

Itinerari

Alta Via dei Monti Liguri: da Ventimiglia a La Spezia...
Come ben sai, alla parola Liguria vengono subito...